TIRACCONTOUNASTORIA
2018 Chi non teme le dispute? Chi non pretende il consenso dell’altro senza però prendersi la briga d’imparare a conoscerlo? Ci addentriamo maldestramente in un campo minato dalla nostra stessa ignoranza. Affaticati dall’abitudine e dalla routine, presi in ostaggio dai nostri timori, lasciamo che la paura generi abilmente altri inutili conflitti e facciamo di tutto pur di avere l’ultima parola. Questo è ciò che accade alla donna e all’uomo che E. Ionesco ha imprigionato nell’intimità della stanza da letto di “Delirio a due”. Fuori si odono le bombe esplodere mentre all’interno una raffica di parole non ragionate colpisce ogni cosa, generando un corto circuito relazionale. Laddove le loro vite si sgretolano dal soffitto cadono calcinacci. La loro casa, il loro mondo potrebbe crollare. La comicità di “Delirio a due” esce dal solco, delira di disperazione, al tempo stesso diverte e avverte che il conflitto ancora non è passato di moda. “ È scoppiata la pace. Che ne sarà di noi?”
Delirio a due
Regia: Diego Willy Corna, Compagnia Concreta